NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

 APRITE LA MENTE ALLA CREATIVITA' E VI ASSICURO
CHE SCOPRIRETE UN MONDO PIENO DI COLORI
ED ALLO STESSO TEMPO LASCERETE
UNA TRACCIA INCANCELLABILE DI VOI STESSI!

Ci troviamo nel 1970 e precisamente in una delle città più belle del mondo.. Paris!

C'e' un piccolo topino di nome Rémy che adora cucinare e ha una profonda ammirazione per lo chef Auguste Gusteau. Rémy per rincorrere il suo sogno vuole fuggire dalla soffitta nella quale si trova insieme a suo fratello ed a suo padre (capo della colonia di ratti) e se pur in un modo un po' rocambolesco riesce nell'intento e si trova senza volerlo nei sotterranei di Parigi. 

Ecco quando ho guardato per la prima volta questo film d'animazione sono rimasta particolarmente affascinata da questo piccolo topino e dalla sua grande intraprendenza e soprattutto dai suoi occhi nel momenti in cui si rende conto di essere praticamente davanti al ristorante del suo idolo Auguste Gusteau che in un certo senso lo guida verso i locali del ristorante.

Tutta magia, gente sorridente che in quel momento volevo solo gustare un buon piatto e scambiare due parole con i propri amici.

Ieri sera, in questa favolosa città, Rémy non l'ho visto, non ho visto gente sorridere e non ho visto la magia.

Il terrore regnava incontrastato, un terrore che ormai la fa troppo da padrone nelle nostre vite. Eppure la storia dovrebbe averci insegnato quanto dolore hanno sopportato i nostri nonni e chi comunque è venuto prima di noi e ha dovuto combattere guerre in nome di .. boh di chi non so.. di che cosa non so..

Sono rimasta seduta sul divano per un paio d'ore senza un'idea in testa senza un pensiero che potesse risollevare la mia speranza che ogni volta che accandono certe cose si affievolisce.

Sono andata a dormire con tanta tristezza nel cuore e poi questa mattina mi sono svegliata ho aperto gli occhi e mi è venuto in mente questo piccolo topino che credeva nei suoi sogni e nelle sue capacita' che ha combattutto contro la consapevolezza che la sua famiglia non lo avrebbe mai seguito o almeno non subito.

Eppure ce l'ha fatta e noi dovremmo cercare di fare come lui, CREDERE. Difficile vero? Si, diciamo che con il periodo che stiamo passando e i fatti di cronaca ci danno ragione, è quasi impossibile però dobbiamo mettercela tutta e fuggire da quella soffitta che ci tiene rinchiusi e non ci fa esprimere, e magari proprio in questo momento ci troviamo nei sotterranei della speranza e non ce ne siamo mai accorti.

Ho scritto queste poche parole senza voler dare giudizi o elargire consigli, penso che i media facciano già il loro lavoro però cerchiamo di vivere con le nostre convizioni e con la certezza che una via d'uscita c'e' da qualche parte, Rémy l'ha trovata.. proviamoci anche noi.

Io, se non vi dispiace, ritorno a Ratotuille!

 

Pin It

sarart banner handmade

Handmade è spesso sinonimo di qualità.

Comprare handmade significa essere contro l'omologazione e significa possedere un pezzo unico.

L'handmade non produce inquinamento.

L'handmade è spesso realizzato con materiali di recupero.

Un oggetto handmade è realizzato con amore e cura.

Comprare handmade significa sostenere il lavoro delle mani, della mente e del cuore di una persona.

Potete Trovare le mie Creazioni da
bottegalarosamanifattura

FeedBack

Irene
25-04-2014, 12:50
Le creazioni di Sara mi hanno colpita da subito, gli orsetti con il numero dei … read more
Antonella
29-09-2016, 12:39
Che dire. .. già in foto le creazioni erano proprio belle. Vederle arrivare … read more