NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo

 APRITE LA MENTE ALLA CREATIVITA' E VI ASSICURO
CHE SCOPRIRETE UN MONDO PIENO DI COLORI
ED ALLO STESSO TEMPO LASCERETE
UNA TRACCIA INCANCELLABILE DI VOI STESSI!

La bagna caoda è una preparazione tipica del Piemonte preparata con acciughe, olio e burro ed utilizzata come intingolo per le verdure fresche della stagione autunnale.
Per la sua pesantezza, solitamente, viene considerato un piatto unico ma talvolta può anche essere servito come antipasto durante una cena tra amici.
Infatti, anticamente, era proprio durante i ritrovi e le cene tra amici che si preparava questo piatto che col tempo è diventato il simbolo dell'amicizia e dell'allegria.
Le origini della bagna caoda sono in realtà per metà avvolte nel mistero poichè non si sa precisamente quando, dove e chi abbia inventato questo piatto, che infatti non ha neppure una città di residenza, ma si sa invece che i vignaioli del tardo Medioevo adottarono questa ricetta per festeggiare un evento importantissimo come poteva essere la spillatura del vino nuovo.
Per moltissimo tempo, la bagna caoda, è rimasta solo il piatto dei poveri e dei contadini in quanto gli arstocratici la aborrivano per la presenza dell'aglio che faceva puzzare l'alito.
Col passare del tempo, questo piatto è stato invece rivalutato e, al giorno d'oggi, sono molte le trattorie e i ristoranti, sopratutto in Piemonte, che propongono nel loro menù la bagna caoda.
Per quanto riguarda l'origine del nome, sappiamo che bagna caoda deriva dai due termini, "bagna" che in Piemontese significa salsa o sugo, e "caoda" che sta invece per calda: quindi salsa calda.
Ed è proprio per questo motivo che la bagna caoda viene servita nei "fujot", particolari recipienti in terracotta o rame con sotto una fiammella che tiene caldo l'intingolo.

PREPARAZIONE
Lavate per prima cosa le acciughe, molto velocemente nel vino, quindi diliscatele e metettele da parte.
Tritate finemente l'aglio e mettetelo per un ora nel latte per far si che sia più digeribile nel contesto della ricetta.
A questo punto mettete in un pentolino l'aglio e il latte e fate cuocere il tutto a fuoco lento.
Nel frattempo iniziate a fare scaldare l'olio e il burro in un tegame, possibilmente di coccio, e quando sarà ben caldo ma senza bollire, aggiungete l'aglio con il latte.
Mescolate per bene fino a che l'aglio non si sarà sciolto completamente e, solo allora, aggiungete le acciughe e continuate a mescolare almeno per altri 20 minuti, fino a che anche le acciughe si saranno sciolte.
Una volta sciolte le acciughe, la vostra bagna caoda sarà pronta da servire in tavola possibilmente nel caratteristico "fujot".

Da RICETTE GIALLO ZAFFERANO  http://ricette.giallozafferano.it/Bagna-caoda.html

bagna-cauda

Messenger

sarart_banner_handmadeW.png

  • Handmade è spesso sinonimo di qualità.
  • Comprare handmade significa essere contro l'omologazione e significa possedere un pezzo unico.
  • L'handmade non produce inquinamento.
  • L'handmade è spesso realizzato con materiali di recupero.
  • Un oggetto handmade è realizzato con amore e cura.
  • Comprare handmade significa sostenere il lavoro delle mani, della mente e del cuore di una persona.

 

Qui trovi alcune delle mie Creazioni

FeedBack

Guest
2013-06-11, 12:58
bomboniere per il battesimo di Arianna del 9 /06/13 fantastiche sono state … read more
Valentina
2013-05-07, 13:10
Sara è garanzia di successo! tutte le cosine che le ho commissionato sono … read more